Strani ritorni musicali.

Volevo spendere due parole stasera sul ritorno dei Blue.

Dopo lo scioglimento del gruppo, avrei preferito ricordarli sempre com’erano ai tempi d’oro. Semplici, carini, orecchiabili, allegri. Ed invece NO, non mi è stato possibile. Un simpatico ricordo (legato anche ad un periodo positivo della mia vita) sfumato dall’insensatezza di un progetto apertamente quanto esclusivamente commerciale: un nuovo singolo creato apposta per vincere l’Eurofestival 2011. Il risultato di questa operazione è una canzone banale presentata da un video penoso. Non faccio fatica a sbilanciarmi in opinioni negative perchè rapportando i caratteri di “I can” con quelli dell’album “One Love” le differenze si notano. (Parlo di “One Love” perchè secondo me è il migliore, basti pensare alla collaborazione con Elton John.) In ogni caso, la canzone, volendo essere buona e facendo momentaneamente riemergere l’amante del pop che è in me, potrebbe anche essere passabile e in linea con “i principi” della manifestazione. Ma il video… E’ da bocciare. I soliti acuti di Lee (è solo cresciuto), i soliti muscoli di Duncan (con qualche tatuaggio in più), i soliti sorrisi di Simon, e il solito contrasto bianco/nero, buono/cattivo. Conditi da una pioggia finale che  mi ricorda molto i Take That di “Back for good”. In occasione del loro ritorno insieme, una buona dose di originalità in più non avrebbe guastato. 😉

Notte cari!