Black out

Ieri sera sono uscita un paio d’ore: mi sono annoiata non poco.

La sveglia non ha suonato: stamattina non ho studiato quasi niente.

Sono lenta persino negli svaghi: puzzle “facile” (uno di quei giochi enigmistici delle riviste) fatto in cinque minuti abbondanti.

Oggi sono proprio spenta. Decisamente.

Sarà il caldo, sarà il mio cervello che si rifiuta di studiare anche di domenica, non lo so.