…ROMA! *o*

Questo 2012 è iniziato nel migliore dei modi! Con un viaggio desiderato da tanto, troppo tempo… Come alcuni di voi già sapranno, sono stata a Roma fino al 7 Gennaio! E quindi ora… Speriamo solo che l’anno continui così! 😉

Domani compio 22 anni e posso finalmente dire con soddisfazione di aver visto La Capitale! [Devo ammettere che mi vergognavo un pò del fatto di essere andata all’Estero più volte senza averla mai visitata. :mrgreen:] Certo, mancano ancora milioni di bellissimi posti al mondo che vorrei vedere!!! Però Roma ha un fascino tutto suo, che la rende diversa da tutte le altre città in cui sono stata fin’ora. 😀

Mi ero preparata accuratamente dei “programmi di visita”, per ottimizzare i quattro giorni pieni a mia disposizione, quindi ho visto parecchi posti. Sono ampiamente soddisfatta. Non mi dilungo volutamente in inutili spiegazioni tipicamente turistiche riguardo monumenti, chiese, musei, etc. Mi soffermo piuttosto su brevi cose personali e “degne di nota”!

  • “Strani” incontri. Per non annoiarmi durante le due ore di coda per entrare a San Pietro, qualcosa dovevo pur fare! Mi sono messa a parlare in “inglese” (se tale può essere definita quella cosa a cui cerco di dare senso) con una studentessa dell’Università del Texas, cinese (o coreana, non mi è ancora tutt’ora chiaro!)… Scusate l’ignoranza, forse avrei anche potuto dedurlo. 😆 In ogni caso, il destino ha voluto che frequentassimo la stessa Facoltà sebbene in continenti diversi, e che lei fosse da sola quel giorno (senza i suoi compagni di viaggio che erano ancora nei Musei Vaticani); quindi siamo state praticamente tutto il tempo a parlare di millenovecentottantaquattro cose diverse. Mi è costato parecchia fatica perchè, devo ammetterlo, non parlavo in inglese da tre anni sicuramente se non più. Devo riprendere a parlarlo, ne sono sempre più convinta. E’ stato il mio primo “buon proposito pratico” per l’anno nuovo!!!
  • Da vedere: il Vittoriano. (Ingiustamente messo in secondo piano rispetto alle tante opere caratteristiche di Roma, da troppe guide e/o giri consigliati.) Mi ha colpito così tanto da diventare il mio preferito, più del Colosseo, pensate un pò. 😀 Ospitava una bellissima mostra per i 150 Anni dell’Unità d’Italia. Ho fotografato i pantaloni di Garibaldi, alcuni cimeli di Cavour, e tante favolose spade personalizzate. O.O (Altro mio controsenso totale: sono una convinta pacifista ma mi affascinano le spade stilose, tipo quelle dei personaggi del “Signore degli Anelli”. So che il paragone non regge, ma è per farvi capire. xD) Inoltre la città vista dalla terrazza è… F A V O L O S A!!!
  • Qualcosa di emozionante: toccare il Colosseo. Lo so, è banale, ma pensare alla sua storia, e a cosa hanno vissuto, visto e sentito quelle mura, è stata un’emozione davvero forte. Inoltre ciò ha influito positivamente sulla mia voglia di studiare per un esame che personalmente odio, ma che è molto importante e riguarda proprio le strutture edilizie. Sono grandiosi ‘sti romani oh! 😀
  • Devo citare il CIBO! La trattoria vicino al mio albergo, in particolare. Colgo l’occasione per pubblicizzarla… “Da Giggi”, in via Belsiana (vicino Piazza di Spagna, per darvi un’idea mooolto veloce). CHEVELODICOAFARE cosa sono stati i bucatini all’amatriciana. ❤ Mangiati come unico pasto sano dopo del cibo al volo consumato in giro per la città durante la giornata, mi sono sembrati un dono divino. Oggettivamente ottimi. 😀 [Ve lo consiglio però solo se badate alla sostanza e non alla forma. E’ pur sempre una semplicissima trattoria quasi sempre piena per’altro! – E ci credo, cucinano benissimo ed i prezzi sono ragionevoli! xD]
  • Shopping “mancato” for me… Vesto in modo estremamente semplice, ma se c’è una griffe per cui io impazzisco letteralmente, è BURBERRY! Ovviamente sogno soltanto, non credo potrò mai avvicinarmici seriamente a quel negozio. 😆 I saldi comunque sono iniziati il 5, ed il 6 Gennaio non potevo camminare per Via del Corso, INTASATA di gente. 😦 Hanno persino chiuso il McDonald di Piazza di Spagna rimasto senza scorte alimentari e la fermata Metro per una mezz’ora circa. Però devo ammetterlo: è stato divertente salire sulla scalinata di Trinità dei Monti e vedere dall’alto chi girava freneticamente con pacchi, buste, etc.! Io invece calma e tranquilla a godermi il panorama. 😀
  • Quanto figo è da uno a dieci prendere la Metropolitana rispetto ai soliti autobus cittadini? Credo mille, ma ovviamente è un fatto di abitudine, e di esigenze ovviamente. Però è figo lo stesso. U_U

Ed i romani? Ne vogliamo parlare? Sono simpatici, spontanei e gentilissimi. In particolare due ragazze e non due ragazze a caso… Non so se vi sono familiari i nomi di Marta e Veronica. 😀 Mi sono divertita tanto ad incontrarle per una mattinata “alla ricerca della Fontana di Trevi”. Il tempo è letteralmente volato parlando di tantissime cose, e non è mancata una dolce pausa con caffè e gelato. (Esattamente: un gelato davanti al Quirinale, a Gennaio. Qualcosa di buffissimo. xD) Le ringrazio nuovamente, in questa occasione, per avermi dato l’opportunità di conoscerle dal vivo, così ho potuto finalmente recapitare loro un mio abbraccio, di quelli veri, sentiti e coccolosi. 😉

Passate una dolce notte tutti quanti, vi lascio con qualche fotina. – Lù –

Le cose che ci uniscono

La forza delle cose che ci uniscono s’infrange contro gli argini di un giorno, sorvola tutte le cose normali, si ferma su particolari inutili e… Meno male che erano scontate, tante parole dette un pò per gioco, ma la forza delle cose che ci uniscono è che non è poco… I giorni che passiamo insieme ci fanno fare tanto, ci fanno bene, la forza delle cose è un pò così, come ci viene… Domani sarà un giorno eccezionale, di quelli che ricorderai per sempre, andremo a cena fuori e forse al cinema, sublimerai i miei attimi per sempre…
Domani sarà un giorno come tanti, l’ abbiamo letto spesso sui giornali,e ci fa sembrare tanto stupide le cose più normali… Che invece sono quelle più importanti perchè ci fanno stare più vicini e da quando ci bastiamo non ci sono più confini…
Vorrei poterti ancora conquistare, vorrei poterti avere come mi pare, vorrei poterti avere ancora qui per dirti… Non andare…

…Gelid@…

“Gelido come Mi guardo allo specchio E non mi vedo più… Qual è il mio nome, Qual è la mia città Dov’è che abito… Gelido come Un pezzo di ghiaccio Mi guardo e non ricordo Le cose Di cui ho bisogno E non mi piace più… Gelido come La luna mi guarda Ma non mi parla mai Dov’è l’amore…Dov’è la mia donna…Dov’è che finirò? Gelido come Un uomo di latta… Un altro di cartone animato Si guarda allo specchio E non si vede più… Gelido come Fare l’amore Però pensare a un’altra situazione Una storia diversa Che adesso non c’è più…

Allora amore È giusto o sbagliato Io questo non lo so Farà dolore Ma è tutto finito E non balliamo più… Quando il tempo Passa in fretta E sai che non ti aspetterà… Quando pensi solo a quello Che non va… Quando sai che hai fatto tardi E forse ancora tarderai… Gelido è qualcosa Non vorresti mai Ma Gelido sarai…

Ma Gelido sarai Ma Gelido sarai Ma Gelido sarai… Gelido come La marmellata Se non l’hai mai mangiata Di mattina Fa bene alla testa E poi ti tira su… L’autostrada È piena di gente Vanno e vengono Dov’è la fine Di questo discorso Che ormai non guido più… Quando il tempo Passa in fretta E forse ti sorpasserà Quando pensi solo A quello che non va… Quando resti solo E pensi solo A quello che non hai… Gelido è qualcosa Non vorresti mai Ma gelido sarai… Ma gelido sarai… Ci sono cose Nella vita Che mi sembrano Più vere Ed altre che Che mi sembrano… Di plastica Ci sono cose Che vorrei Poter cambiare veramente Lo vuole tanta gente E invece niente… E ci dobbiamo Accontentare Qui lo nego, ma l’ho detto È colpa di quel freddo maledetto… Ma gelido sarai…”

Non una parola in più, non una in meno. Esattamente me stessa, adesso. Grande Alex. 😉