“The Hobbit – An Unexpected Journey” (TRAILER)

Buongiorno a tutti! Nella notte finalmente è stato divulgato il primo teaser trailer ufficiale di questo (da me tanto atteso) film!

Vi propongo sia la versione in lingua originale che quella sottotitolata. 😀

Buona giornata! 😀

Annunci

Film che rivedrei volentieri all’infinito#2

Si parlava della saga di “Harry Potter” recentemente, sul Blog di Scrutatrice di Universi. 7 Libri ed 8 film che io, come milioni di altri fan, amo quasi alla follia. Storie che hanno scandito momenti importanti della mia vita… 😉

Ma un’estate che non potrò mai scordare, è quella in cui ho letto “Il Signore degli Anelli”. (Poi per’altro anche riletto! :D) L’ho divorato in 3 settimane o qualcosina in più. Non avevo volutamente visto i film al Cinema, per vederli post-lettura. Devo dire che Peter Jackson ha fatto un gran bel lavoro di trasposizione… [A mio parere i film tratti da questo libro sono migliori di quelli di Harry!] E quindi oggi voglio ricordare questa giornata così.

 “Peter Jackson ha compiuto cinquant’anni recentemente, ma gli ho fatto gli auguri di buon compleanno questa mattina. Non capiva perché. Sono passati dieci anni da quando “La Compagnia dell’Anello” uscì al cinema.”

Questo ha scritto Ian McKellen (Gandalf) oggi sul suo profilo Facebook.

Dieci anni fa usciva negli Stati Uniti “La Compagnia dell’Anello”, il primo film di una trilogia che ha cambiato la storia del cinema diretta da un regista neozelandese di nome Peter Jackson fino ad allora noto non a molti, e da allora diventato il più potente outsider di Hollywood (e tra i registi più potenti in assoluto).

[ La citazione è tratta da http://www.hobbitfilm.it/ sito utile per tenersi aggiornati sui due film tratti da un altro libro di Tolkien, “Lo Hobbit” in uscita nel 2012 e nel 2013. L’attesa è ancora un pò lunga ma sono sicura che verrà ripagata. 😉 ]

DOLCE NOTTE!

Teen Wolf

E’ ormai nota la mia passione per i lupi. 😀 Non so da dove sia nata precisamente questa assoluta preferenza, ma sono anni che accumulo poster e foto nella mia camera e sul mio Pc! Detto questo, diventa un pò meno strana la mia predilizione, tra tutte le creature “di fantasia”, per i licantropi. A tal proposito recentemente ho iniziato a seguire su FOX “Teen Wolf”, una serie la cui prima stagione è composta da 12 puntate e che, fortunatamente per me, è stata rinnovata per la seconda stagione. Lo ammetto, è un pò idiota come serie televisiva: il solito liceo americano, il solito amore, il solito protagonista con i soliti antagonisti, il migliore amico sfigato del protagonista, etc… 😆 E’ assurdo quanto il bosco, il buio, gli artigli e i denti di un lupo (in questo caso licantropo) abbiano un così forte ascendente su di me, nonostante io non sopporti nè gli horror, nè sia interessanta a qualsiasi altra vicenda e/o personaggio mitologico o mostruoso. Mi offro volontaria per eventuali studi psicologici. O_O

BUON SABATO A TUTTI! 😉

Uno scherzoso promemoria

Premetto: POST AD ALTO CONTENUTO DI IDIOZIE. 😆

Lucia, devi crescere ormai: hai quasi ventidue anni, quindi devi fare i conti con LA REALTA’!

E la realtà mia cara è che…

Anche se sogni di andare a New York, di perderti tra le sue affollatissime strade, e di incontrare un giovane e romantico architetto che ti porta a mezzanotte in cima all’Empire State Buiding per dichiararti tutto il suo amore, questo non potrà mai accadere perchè… Ted Mosby non esiste!

Robin: Come puoi fare questo Ted? Come puoi sederti qui tutta la notte, al freddo, pensando ancora che “la tua zucca” si farà vedere?

Ted: Beh, sono molto ottimista. Ascolta, so’ che le probabilità che l’amore della mia vita entri da quella porta con un costume da zucca alle 2:43 del mattino sono poche. Ma mi rende speranzoso, sai, sedersi e aspettare.

“How I met your mother”, Stagione 1, Episodio 6 “La Zucca Supersexy”

Allo stesso modo, cara la mia assidua frequentatrice di biblioteche ed appassionata del mondo dei NERD, devi capire che… In realtà anche Sheldon Cooper non esiste. Per quanto una relazione con un assoluto genio possa essere appagante da un punto di vista mentale, e la sua assoluta razionalità possa rendere le dinamiche di un rapporto prevedibili e prive di ogni possibile “sega mentale”, devi perdere ogni speranza di incontrarlo. Devi dire “addio” ad ogni possibilità di una relazione con un uomo al tempo stesso intelligente e privo di ogni complesso schema sentimentale nel cervello!

Credo che tu abbia la stessa opportunità di avere una relazione sessuale con Penny di quella che ha il Telescopio Hubble di scoprire, al centro di ogni buco nero, un omino con una lanterna che cerca l’interruttore automatico.

“The Big Bang Theory”, Stagione 1, Episodio 3 “Il corollario del gatto”

Ma soprattutto, mia cara, devi anche prendere atto di una cosa molto ma molto più importante… Per quanto tu possa essere attratta dalle persone coraggiose, leali  e sincere ai limiti della sfrontatezza; per quanto tu possa aver sviluppato un certo debole per gli uomini con gli occhi chiari da quando hai iniziato a vedere “Star Wars” (basti pensare ad Hayden Christensen prima, ed a Harrison Ford ora)… Non esiste Ian Solo! So che non c’è niente di più triste di questa ultima notizia ma… Ti devi far forza e devi andare avanti! E’ proprio il caso di dire “Che la forza sia con te!” 😀

Leila Organa: Ti amo!
Ian Solo: Lo so.

Guerre Stellari: Episodio V – L’Impero colpisce ancora

Detto affettuosamente dalla parte del tuo cervello riservata all’interazione con l’altro sesso!

Midnight in Paris

Ammetto di aver visto davvero pochi film di Woody Allen, ma sono rimasta piacevolmente colpita da questo suo ultimo lavoro, che si riconferma allo stesso tempo intelligente e divertente.

Ci sono due protagonisti secondo me. Inizio con la città, Parigi, presentata al pubblico nel primissimi minuti del film, in tutti i suoi aspetti: impossibile non innamorarsene! Il protagonista “umano” (interpretato da Owen Wilson) è uno sceneggiatore americano di successo la cui vera aspirazione è quella di scrivere romanzi. E’ in vacanza a Parigi con la sua futura moglie, ma le differenze incolmabili tra i due innamorati si notano quasi subito… Lasciando perdere come andrà a finire tra i due, mi vorrei soffermare brevemente sulla parte centrale della narrazione. E’ a mezzanotte che la città si trasforma per il protagonista nella metropoli degli anni ’20, colorata, chiassosa, estremamente attiva da un punto di vista culturale, piena di artisti: scrittori, poeti, pittori, si alternano in una divertente sequenza di aneddoti, citazioni, frammenti di vita notturna. Gil conosce così Picasso, Dalì, ma soprattutto i suoi idoli letterari, tra cui Hemingway. (Uno dei miei scrittori preferiti, tra l’altro!) 😀 La realtà che ha sempre sognato di vivere, in cui magicamente si può ritrovare ogni notte, lo coinvolge sempre di più, e alla fine lo sconvolge prepotentemente. Tutto infatti è come Gil aveva sempre immaginato: i bar e le strade diventano per lui ambienti più familiari delle immense città americane in cui viveva e da questi incontri, da questi luoghi, si sente estremamente ispirato.

Nasce, forte ma spontanea, una riflessione sulla sensazione di inadeguatezza che ognuno di noi prova a volte rispetto alla realtà che lo circonda. Quando sembra che “il mondo” non ci capisca, vorremmo che tante cose fossero diverse, e ci capita di pensare “Vorrei aver vissuto in quell’epoca…” 😉

Ho una domanda per voi a questo punto: in quale epoca avreste voluto vivere? Ed aggiungo anche: DOVE? La mia epoca varia tra il 1200 e il 1400. I secoli di maggiore ricchezza di una delle mie città preferite, VENEZIA. Il motivo è questo (mi aiuto con Wikipedia): “Le repubbliche marinare sono importanti non solo per la storia della navigazione e del commercio: nei loro porti non arrivano solo preziose merci altrimenti introvabili in Europa, ma anche nuove idee artistiche e notizie su paesi lontani. Lo spirito di avventura dei navigatori di queste città è sempre stata una gloria per l’Italia, sebbene offuscata dalla rivalità commerciale che le metteva l’una contro l’altra.” Sarei stata sicuramente una commerciante furba e curiosa; avrei vissuto importando merci utili e redditizie, ma soprattutto VIAGGIANDO tantissimo per il Mediterraneo! (Avrei dovuto anche essere un uomo, per fare tutto ciò però! Ma si tratta pur sempre di immaginazione, quindi vale tutto. xD)

Comunque… Non ho apprezzato moltissimo le conclusioni quasi “imposte” allo spettatore, espresse in uno dei dialoghi conclusivi. In ogni caso il film è godibilissimo, ovviamente ve lo consiglio. Saranno estremamente gradite le vostre opinioni!